Menu di navigazione

Calendario degli eventi

Salta il calendario degli eventi
Calendario
dicembre  2021
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
29 30 01 02 03 04 05
06 07 08 09 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 01 02

La Banda Bonaventura Somma suona in uno dei più importanti Teatri Nazionali della Germania

COMUNICATO STAMPA
Chianciano Terme 12 luglio 2018 ore 14.00

La Banda musicale Bonaventura Somma con il progetto “Banda Sonora” suonerà al Nationaltheater di Mannheim uno dei più grandi e antichi teatri della Germania

Dopo 17 anni dalla sua incisione al Teatro Caos (ex Sala Polivalente) di Chianciano Terme, per la prima volta l’opera di jazz futuristico “I cosmonauti russi” di Battista Lena sarà eseguita dal vivo il 18 luglio 2018 in Germania. A suonare 45 musicisti chiancianesi.

Chianciano Terme (Siena) – La Banda Bonaventura Somma di Chianciano Terme è in procinto di partire per la Germania per affrontare una fantastica esperienza. Destinazione Nationaltheater di Mannheim per due concerti: “I cosmonauti russi” in calendario mercoledì 18 luglio ed il “Concerto italiano” la sera seguente, il 19 luglio, al pavillon del Festivalzentrum. L’opera “I cosmonauti russi”, uno dei lavori più sorprendenti della storia del jazz recente, è nato dalla straordinaria fantasia di Battista Lena, uno dei maggiori compositori jazz italiani, che ha usato l'inconfondibile suono della Banda Bonaventura Somma di Chianciano Terme, oltre alla partecipazione di vere e proprie icone del jazz italiano, come il clarinettista Gabriele Mirabassi e il trombettista Enrico Rava. La voce dell’attore Giorgio Tirabassi e il canto della soprano Alda Caiello forniranno l'atmosfera surreale della serata.

Questa è la prima volta che “I cosmonauti russi” vengono suonati davanti ad un pubblico; l’opera infatti è stata incisa nel 2001 alla Sala Polivalente di Chianciano Terme ed edita dalla Label Bleu di Amiens di Parigi, ma non è mai stata eseguita dal vivo. Nel 1997 Battista Lena ha registrato “Banda Sonora” per l'etichetta francese Label Bleu ed al progetto, realizzato con Enrico Rava, Gabriele Mirabassi, Gianni Coscia, Enzo Pietropaoli, Marcello Di Leonardo, partecipa anche la Banda Bonaventura Somma di Chianciano Terme. Il successo del progetto “Banda Sonora” è stato ed è notevole. “Banda Sonora” verrà replicato in numerosi festival internazionali in Europa e in Cina. Il Cd guadagna lo "Choc de la Musique" della rivista Jazzman e le prestigiose "ffff" di Teléramà.

La Banda di Chianciano Terme sarà rappresentata da 45 musicisti e si unirà ad una delegazione altrettanto numerosa della pluripremiata Mannheim Bläserphilharmonie. A Mannheim la prossima settimana sarà possibile ascoltare un mix davvero avvincente di futurismo e folklore italiano, temi street-March, ritmi latini e musica da film.

Il Nationaltheater di Mannheim è uno dei più grandi e antichi teatri della Germania e uno dei palcoscenici più importanti, con i suoi 1.300 spettacoli all'anno per circa 330.000 visitatori.
Tra gli sponsor che hanno permesso alla Banda Bonaventura Somma di poter solcare questo prestigioso palco, c’è ovviamente l’amministrazione comunale di Chianciano Terme oltre a Banca Cras Credito Cooperativo Toscano - Siena.

La città tedesca di Mannheim è situata nel land del Baden-Württemberg e sorge nel punto in cui il fiume Reno riceve l'affluente Neckar. È un importante snodo ferroviario ed il principale porto interno della Germania ma anche il port fluviale tra i più grandi d'Europa. L'ampio corso del fiume Reno la divide dalla antistante città di Ludwigshafen (164.000 ab.), nella Renania-Palatinato. È l'unica città tedesca col centro a pianta quadrangolare (come ad esempio Torino o New York) iscritta in un cerchio incompleto. L'industria chimica e quella meccanica sono entrambe presenti in maniera significativa sul territorio della città. Per la meccanica ci sono gli stabilimenti di imprese importanti, quali: Daimler AG, EvoBus, ABB, Alstom, Bombardier Transportation, John Deere, Joseph Vögele, MWM Motorenwerke Mannheim, Pepperl+Fuchs, WIMA. A Mannheim si tiene ogni anno e da più di 400 anni la tradizionale Mannheimer Maimarkt, che con circa 1.400 espositori e 350.000 visitatori è la più grande fiera regionale della Germania. Il Nationaltheater Mannheim ("Teatro nazionale di Mannheim") è stato fondato nel 1779. Nel 1782 vi si è tenuta la prima rappresentazione de “I masnadieri” (Die Räuber), il capolavoro di Friedrich Schiller. La cittadina è gemellata con molte città europee ma al momento con nessuna cittadina italiana; chissà se in futuro lo sarà e Chianciano Terme potrebbe gemellarsi grazie a questa straordinaria opportunità data ai musicisti della Banda Bonaventura Somma diventarlo, chissà?

Nationaltheater di Mannheim


Futuristisches Jazz-Oratorium
in italienischer Sprache mit deutschen Übertiteln

BESETZUNG
Eine italienische Banda ist das Gegenstück zur deutschen Blaskapelle und doch etwas ganz anderes. Der bedeutende italienische Jazz-Komponist Battista Lena nahm den unverwechselbaren Sound der »Banda Sonora« aus dem 7000-Einwohner- Ort Chianciano Terme in der Toskana zum Anlass, um eines der erstaunlichsten Werke der neueren Jazzgeschichte aufzunehmen: »I cosmonauti russi« für Sprecher, Sängerin, Jazzband und Blasorchester.

Wo hätte man solch eine inspirierende Mischung aus Futurismus und italienischer Folklore, aus Street-March-Themen, Latin-Rhythmen und Filmmusik jemals gehört? Angeregt wurde diese Semi-Opera von den Versen Marco Lodolis, die – teils gesprochen, teils gesungen – für die surreale Atmosphäre des Abends sorgen. Zu der Band um Battista Lena gehört unter anderem auch der Klarinettist Gabriele Mirabassi und der Trompeter Enrico Rava, die zu den weltweit bekanntesten Jazzmusikern Italiens gehören. Der aus der Toskana anreisenden 45-köpfigen »Banda Sonora« wird sich in Mannheim eine ebenso große Abordnung der preisgekrönten Mannheimer Bläserphilharmonie hinzugesellen. Das Opernhaus ist bereit zum Abheben!

Dauer: ca. 1 Stunde, keine Pause
Die angegebene Dauer ist lediglich ein Richtwert.

Italian jazz composer Battista Lena used the distinctive sound of his »Banda Sonora«, from the Tuscan municipality of Chianciano Terme, as the motivation to record one of the most remarkable works of modern jazz history. »I cosmonauti russi«, for speaker, female singer, jazz band, and wind orchestra, is an inspiring combination of futurism and Italian folklore, of passacaglia themes, latin rhythms, and film music. Clarinetist Gabriele Mirabassi and trumpet player Enrico Rava, two of Italy’s most famous jazz musicians, are among the members of Lena’s


Documenti

Attenzione: i documenti di seguito riportati potrebbero richiedere la presenza di applicazioni o visualizzatori.
 

Menu dei collegamenti di utilità